LATEST STORIES
Uncategorized
1

10 consigli per l’e-commerce: transazioni tra il Regno Unito e l’UE dopo la Brexit

By / In Uncategorized / February 12, 2024

10 tips for e-commerce – trading between the UK and the EU after Brexit

Poiché il periodo di transizione per la Brexit è terminato il 31 dicembre 2020, ecco alcuni suggerimenti di cui tenere conto:

 

Per le aziende con sede nel Regno Unito

Per le aziende che utilizzano magazzini nell’UE, ad esempio Amazon FBA o un altro magazzino:

  • Ottieni un numero EORI UE, perché il tuo EORI del Regno Unito non funzionerà più per le importazioni dall’UE;
  • Ottieni un numero di partita IVA in uno dei Paesi dell’UE in cui disponi di un magazzino o di un fornitore in dropshipping. Avrai bisogno di questo numero per poter rimborsare l’IVA pagata alla dogana. Per poter ottenere la registrazione IVA UE, in alcuni Paesi sarà necessario nominare un rappresentante IVA. È il caso, ad esempio, dell’Italia.

Per le aziende del Regno Unito senza magazzini nell’UE:

  • Se prevedi di inviare ordini dal tuo magazzino nel Regno Unito, opta per un numero IOSS nell’UE per poter pagare l’IVA differita una volta al mese nella dichiarazione IVA. Con questo schema, l’IVA per i pacchi di basso valore (con un valore inferiore a 150€) sarà dovuta non alla dogana, ma alla fine del mese successivo all’importazione;
  • Puoi scegliere di non registrarti per IOSS e scegliere di non pagare l’IVA UE sulle tue vendite a clienti UE. Ciò significa che il tuo acquirente dovrà sottoporsi a una procedura di sdoganamento e pagare l’IVA. Questo perché da gennaio 2021 le merci di basso valore sono soggette a IVA se importate per posta. Il de minimis è zero per le importazioni. Ciò significa che se invii un ordine di 2€ il tuo acquirente dovrà comunque calcolare e pagare l’IVA all’arrivo;
  • Le vendite B2B alle aziende dell’UE sono soggette a reverse charge. Ciò significa che l’acquirente UE è responsabile del calcolo e della rendicontazione dell’IVA per beni e servizi.

 

Per le aziende del Regno Unito che vendono tramite marketplace online a clienti europei:

Ci sono due opzioni:

  • Il Marketplace può scegliere di pagare l’IVA all’importazione, quindi fornirti un numero IOSS per il tuo pacco e trattenere l’importo dell’IVA dalle entrate;
  • Quando un marketplace non si occupa dell’IVA sull’importazione, un’altra opzione è quella di seguire le regole descritte sopra nella sezione per le aziende senza magazzini nell’UE.

 

 

Per le imprese dell’UE che desiderano continuare a vendere nel Regno Unito

Se utilizzi un magazzino nel Regno Unito (ad esempio il magazzino Amazon FBA):

  • Ottieni un numero GB EORI, perché non puoi più utilizzare EU EORI per lo sdoganamento.

Se non utilizzi un magazzino nel Regno Unito e invii pacchi direttamente dall’UE:

  • OTTIENI L’EORI GB;
  • Ottieni un numero di partita IVA nel Regno Unito per utilizzare uno schema semplificato. Questa registrazione è volontaria, ma poiché la soglia di importazione verrà rimossa, diventerà troppo complicato per gli acquirenti ordinare prodotti dal tuo negozio se non utilizzi questo sistema;
  • Richiedi una dichiarazione semplificata. Invio della dichiarazione IVA mensile sulle importazioni posticipate (MPIVS). Puoi usare LOVAT per farlo;
  • Trova un codice merceologico per classificare la tua merce. Per poter utilizzare i report sulla piattaforma LOVAT è necessario aggiornare tutti i codici merceologici delle tue merci entro il 1° gennaio 2021.

Per coloro che vendono servizi e sono registrati al MOSS nel Regno Unito

  • Devi scegliere un Paese per registrarti per MOSS nell’UE. Possiamo aiutarti a scegliere un Paese.

Per chi vende beni B2B

  • Il meccanismo dell’inversione contabile verrà applicato (come avviene attualmente) se l’acquirente ha una partita IVA nel Regno Unito.

 

*In questo articolo GB o Gran Bretagna ovvero il Regno Unito ad eccezione dell’Irlanda del Nord

** Questo articolo non copre le merci con requisiti doganali specifici, ad esempio prodotti soggetti ad accisa o donazioni