LATEST STORIES
Uncategorized
8

8 domande sul certificato di rivendita

By / In Uncategorized / February 8, 2024

I certificati di rivendita consentono ai venditori di acquistare beni da produttori o grossisti senza imposte sulle vendite. In genere, acquistano beni per poi rivenderli ai clienti finali, che a quel punto pagano l’imposta sulle vendite.

Al momento dell’acquisto, il venditore presenta questo certificato al fornitore della merce. Quindi, il venditore della merce non aggiunge l’imposta sulle vendite al prezzo.

Tali certificati possono essere emessi per una specifica fornitura o per un intero contratto.

 

Chi ha bisogno di un certificato di rivendita?

Un certificato di rivendita ti consente di acquistare oggetti senza pagare l’imposta sulle vendite, a condizione che tu organizzi la rivendita di tali beni in seguito. Dimostra che sei un partner del produttore o del venditore dei beni e prevedi di venderli in seguito.

Potresti aver bisogno di un certificato di rivendita se sei:

  • Un negozio: acquisti oggetti da produttori o venditori e li vendi a persone che li usano.
  • Un distributore: acquisti oggetti da produttori o venditori per venderli ad altre aziende che li vendono a persone che li utilizzano.
  • Una persona che vende oggetti: puoi fornire un certificato di rivendita a un produttore o grossista dei beni che vendi.

 

Come ottenere un certificato di rivendita?

Ottenere un certificato di rivendita dipende da dove ti trovi ma, nella maggior parte dei casi, include questi passaggi:

  • Registrati per un permesso di imposta sulle vendite.
  • Emetti un certificato di rivendita utilizzando un modello specifico dello stato, inserisci i dettagli aziendali necessari e i dettagli dell’acquisto.

Diversi Stati hanno le proprie regole che dovrebbero essere indicate nel certificato. La piattaforma Lovat consente la generazione di certificati di rivendita.

 

Come utilizzare un certificato di rivendita?

Le aziende dovrebbero utilizzare i certificati di rivendita solo per le cose che venderanno di nuovo. È fondamentale seguire le leggi statali perché il loro utilizzo errato può causare problemi legali.

 

Concetti errati sui certificati di rivendita ed errori comuni

  • Utilizzo di un certificato di rivendita per oggetti personali.

Non è consentito acquistare oggetti per se stessi con un certificato di rivendita. Un imprenditore ha fatto questo per acquistare mobili per ufficio ed è stato multato in un controllo fiscale. Dovra’ pagare l’imposta sulle vendite, gli interessi aggiuntivi e le multe.

  • Acquistare articoli non destinati alla rivendita.

Un certificato di rivendita serve per acquistare cose che venderai ad altri. Un negozio è stato multato per averlo utilizzato per acquistare articoli per sé, senza pagare l’imposta sulle vendite. Le aziende devono verificare cosa possono acquistare con questo certificato. Se un’azienda intende acquistare beni da utilizzare negli affari, ad esempio un laptop per i propri dipendenti, in tal caso deve essere pagata l’imposta sulle vendite e non è necessario emettere un certificato di rivendita.

  • Mancato rispetto dei requisiti del certificato di rivendita specifici dello Stato.

Diversi Stati hanno regole diverse per i certificati di rivendita. Un’azienda che operava in molti. Stati utilizzava un certificato ovunque, il che era un errore. Ciò ha causato grossi problemi negli Stati che necessitano dei loro certificati. L’azienda ha dovuto pagare tasse e multe scadute per risolvere questo problema. La piattaforma Lovat offre modelli di certificati per ogni Stato.

 

Seguendo le regole e gli aspetti legali

L’autorità fiscale del tuo Stato potrebbe controllare spesso la tua attività. Vogliono assicurarsi che tu utilizzi i certificati di rivendita solo per i beni che rivendi. Devi essere pronto per questi controlli ed evitare problemi.

Un buon consiglio è quello di conservare tutti i documenti e le ricevute quando acquisti oggetti con certificati di rivendita. Ciò dimostrerà che sei onesto e compiacente. Se vieni sottoposto a audit, puoi dimostrare di aver fatto tutto bene.

 

Certificato di rivendita vs. certificato di esenzione fiscale

I certificati di rivendita e i certificati di esenzione fiscale sono documenti necessari agli acquirenti nella catena di fornitura per evitare l’imposta sulle vendite.

Un certificato di rivendita dimostra che un acquirente venderà i prodotti di un produttore o fornitore. L’acquirente rilascia questo certificato, che include:

  • Il nome e l’indirizzo dell’acquirente;
  • Numero di partita IVA dell’acquirente;
  • Il nome e i dettagli di contatto del venditore;
  • Quali prodotti copre;
  • Quando scade.

Questo certificato consente al venditore di acquistare beni senza imposta sulle vendite, poiché li venderà ai clienti che poi pagheranno l’imposta.

Un certificato di esenzione fiscale potrebbe essere emesso da un’entità esente dall’imposta sulle vendite, ad esempio scuola, beneficenza o altra attività esente. Tale entità deve essere registrata presso l’ufficio delle imposte come esentata per specifici tipi di attività.

Possono essere concesse esenzioni in base alla natura del prodotto (come gli alimenti), in questi casi non è necessario rilasciare un certificato di esenzione.

 

Rinnovo e scadenza

I certificati di rivendita vengono generalmente emessi per un anno. Le aziende devono verificare la data di scadenza e ottenere nuovi certificati prima che quelli vecchi scadano. Se un certificato di rivendita non ha una data di scadenza, il periodo di validità è determinato dallo Stato. Ad esempio, in California il certificato è valido fino a quando non viene revocato per iscritto dall’emittente. Nel Maryland il certificato scade 5 anni dopo l’emissione.

 

Verifica dei certificati di rivendita

Il venditore deve assicurarsi che il certificato di rivendita sia autentico e valido. Ciò comporta:

  • Controllo del numero di permesso: assicurati che il numero di permesso dell’acquirente sia accurato e attivo.
  • Valutazione della validità del certificato: conferma che il certificato non è scaduto e soddisfa i requisiti specifici dello Stato.
  • Conservazione dei registri: conservare i registri dei certificati di rivendita a fini di controllo.