LATEST STORIES
Uncategorized
D

DAC7 – la nuova modalità di registrazione per i MarketPlace

By / In Uncategorized / January 31, 2024

Rinviati i termini per la dichiarazione DAC7

Alcuni Paesi hanno annunciato proroghe per la prima scadenza per la dichiarazione, originariamente fissata per il 31 gennaio 2024

  • Il governo tedesco ha prorogato il termine per la presentazione dei rapporti DAC7 fino al 1 Aprile.
  • Lussemburgo ha posticipato la scadenza e concesso una proroga per la dichiarazione DAC7 al 19 febbraio.
  • La Francia ha prorogato la scadenza per la dichiarazione del DAC7 al 2 febbraio.
  • 7 febbraio termine ultimo per la presentazione della dichiarazione DAC7 in Irlanda.

I MarketPlace stanno guadagnando ogni giorno sempre più popolarità e influenza sull’economia mondiale. Ecco perché le agenzie governative stanno creando nuovi strumenti per regolamentare il proprio lavoro, la trasparenza delle attività e il corretto pagamento delle tasse. Uno di questi strumenti è la direttiva DAC7, che estende la tassazione trasparente dell’UE al digitale.

In questo articolo, analizzeremo cos’è la direttiva DAC7, cosa devi sapere al riguardo, quali dati saranno necessari per presentare i report DAC7 e come prepararti affinché il regolamento modificato non influisca troppo sulle tue attività.

DAC7 – the new type of registration for online marketplaces

DAC7: di cosa si tratta e come funziona

DAC7 è una direttiva fiscale che comprende la raccolta e l’elaborazione dei dati sui rivenditori che operano attraverso mercati digitali online e altre piattaforme e sui loro redditi. Implica la cooperazione tra gli Stati membri per garantire una tassazione corretta e trasparente all’interno dell’UE.

Con l’avvento del DAC7 le piattaforme saranno tenute a rendicontare tutte le commissioni che ricevono per le loro attività. Ciò include varie piattaforme di trading e di lavoro come Uber, Amazon, eBay, Fiverr, Upwork, ecc.

Tuttavia non tutte le piattaforme sono soggette alla direttiva: ci sono delle eccezioni. Ad esempio, sono state esentate le piattaforme in cui i flussi di pagamento non vengono elaborati, ma vengono soltanto visualizzati i beni/servizi.

 

Paccetto per la Registrazione DAC7 340 Euro

 

Gli operatori di piattaforma esclusi non sono soggetti al DAC7

Secondo la legge, le piattaforme che agevolano l’affitto di immobili, la vendita di beni, la prestazione di servizi professionali e di trasporto devono dichiarare i propri venditori. Ciò significa che sono escluse le piattaforme che facilitano altri servizi (chiamati Operatori di Piattaforma Esclusi). Un esempio di ciò potrebbe essere una piattaforma che vende servizi digitali che non rientrano in nessuna di queste quattro categorie

Ma anche queste società non sono del tutto esentate dalle comunicazioni con le autorità fiscali. Dovranno presentare ogni anno i documenti che dimostrano l’esenzione dal DAC7.

Un’altra tipologia di Piattaforme Escluse sono i servizi che DAC7 classifica come piattaforme di pagamento o di marketing. Ciò include sistemi di pagamento (come Stripe e PayPal), messaggistica istantanea, bacheche gratuite e directory che reindirizzano gli utenti solo ad altri servizi.

 

In che modo la direttiva influirà sui fondatori di MarketPlace?

Prima che la direttiva entri in vigore, i fondatori del MarketPlace devono valutare e rivedere attentamente le proprie prestazioni e comprendere esattamente come la futura dichiarzione DAC7 potrebbe influenzare la loro attività. Questo ti preparerà a possibili difficoltà e minimizzerà i rischi. Se il fondatore non riesce a presentare in tempo un report sul mercato, potrebbe incorrere in multe significative.

Abbiamo menzionato tutte le eccezioni sopra. Inoltre, se la tua attività rientra nelle eccezioni, ti consigliamo di verificare le leggi locali applicabili, poiché potrebbero esserci anche condizioni speciali non correlate al DAC7.

 

Esiste una soglia per la registrazione DAC7 nell’UE?

No, ogni operatore della piattaforma che facilita le operazioni menzionate nella sezione (Che tipo di piattaforme devono registrarsi?) deve registrarsi e presentare una dichiarazione DAC7. Anche se una piattaforma non dispone di venditori da dichiarare, deve inviare un report DAC7 pari a zero.

 

Che tipo di piattaforme devono registrarsi?

Esistono quattro tipi di transazioni segnalate:

  1. Affitto di immobili commerciali e residenziali;
  2. Vendita di beni fisici;
  3. Fornitura di servizi professionali;
  4. Noleggio di tutti i tipi di veicoli.

Il regolamento DAC7 copre quasi tutte le piattaforme di trading che operano nell’Unione Europea. Allo stesso tempo, non è necessario che si trovino in uno dei Paesi dell’UE; la direttiva si applica anche alle piattaforme extra-UE con venditori nell’UE.

Per i marketplace, è uno sportello unico per la registrazione DAC7 per tutti i Paesi dell’UE. I Paesi condividono i dati che ricevono da un sistema di scambio comune. Pertanto, ciascuna piattaforma comunicherà con l’ufficio delle imposte locale, anche se i controlli provengono dall’ufficio delle imposte di un altro Paese.

 

Quali informazioni devono essere presentate?

Secondo la direttiva DAC7, tutti MarketPlace devono rispettare la piattaforma di reporting, che comprende i seguenti dati:

  • Informazioni sul venditore (nome, data di nascita, indirizzo);
  • A quale Paese dell’Unione Europea appartiene;
  • ID dell’account o numero di conto bancario;
  • Numero di identificazione e registrazione del contribuente (il numero di registrazione non si applica alle persone fisiche);
  • Quantità di transazioni all’anno;
  • Tutti i tipi di pagamenti trattenuti dal sito per un determinato periodo;
  • Se le transazioni includono l’affitto di un immobile, la piattaforma deve riportare l’indirizzo dell’immobile.

Allo stesso tempo, anche tra i venditori che rientrano nelle tipologie di transazioni della direttiva, ci sono quelli che non necessitano di essere inclusi nel report.

  • Il primo riguarda i piccoli venditori che vendono beni ed effettuano meno di 30 vendite durante il periodo di riferimento e le loro transazioni non superano i 2.000 euro. Questa soglia per le piccole imprese non influisce su coloro che forniscono servizi o affittano proprietà.
  • Il secondo tipo di venditori esentati sono i fornitori attivi di immobili in affitto, come tour operator e hotel, dove c’è un grande flusso di prenotazioni.

 

Problema GDPR

Il GDPR è il regolamento UE sulla protezione dei dati. Quando si raccolgono dati per la rendicontazione ai sensi della direttiva DAC7, è fondamentale tenere conto della conformità ai requisiti GDPR. L’operatore è inoltre tenuto a comunicare a tutti i fornitori le informazioni specifiche che raccoglie. Per le terze parti devono essere assolutamente confidenziali. Tutti i dati raccolti devono essere conservarli dall’azienda per almeno 10 anni (il periodo dipende dalle leggi del Paese).

 

Scadenze

L’Unione Europea deve convertire in legge la DAC7 entro la fine del 2022, perché dovrebbe entrare in vigore già dal 1° gennaio. Il report 2023 dovrà essere presentato entro il 31 gennaio 2024. Quale sarà esattamente questo report, ogni Paese lo deciderà separatamente. perché solo uno specifico Stato membro dell’UE dovrà fornire informazioni. Solo quando necessario i Paesi possono scambiarsi dati.

 

Conclusione

A causa della costante crescita e dell’ampio segmento di mercato occupato dalle piattaforme digitali, si è deciso di introdurre una direttiva separata che garantisse una tassazione corretta e trasparente. Secondo la direttiva DAC7, gli operatori di piattaforme di commercio digitale devono presentare dichiarazioni al Paese dell’Unione Europea a cui appartengono. Il primo report dovrà essere presentato entro la fine di gennaio 2024. Si consiglia a tutti gli operatori di prepararsi alle modifiche del regolamento.

Per soddisfare perfettamente i requisiti di reporting DAC7, i fondatori del MarketPlace possono sfruttare le funzionalità delle nostre API per il mercato online. Le nostre API abilitano i facilitatori del MarketPlace a tutte le funzioni di reporting, inclusa la possibilità di calcolare le imposte nelle fasi di acquisto, raccogliere dati e compilare e inviare moduli di reporting. Integrando le nostre API nella tua piattaforma, puoi semplificare il processo di reporting e garantire l’invio accurato e tempestivo delle informazioni richieste.

Per saperne di più su come le nostre API possono supportare le operazioni del tuo MarketPlace e semplificare   il reporting DAC7, visita la nostra pagina dedicata sull’API per il MarketPlace online.

 

Hai domande? Chiedi al nostro team