Slovacchia Slovacchia

Confezione

Slovacchia: Responsabilità estesa del produttore (EPR) per gli imballaggi

In Slovacchia, l’attuazione delle normative sulla responsabilità estesa del produttore (EPR) è iniziata nel 2016, concentrandosi inizialmente sulla raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio. Successivamente, la legge n. 302/2019 Coll. ha notevolmente ampliato e perfezionato le responsabilità e gli obblighi delineati nella legge sui rifiuti, con un’enfasi specifica sugli imballaggi per bevande monouso.

 

Chi è considerato responsabile?

La legge sugli imballaggi e i regolamenti si applicano a tutti:

  • Produttore;
  • Distributori;
  • Importazioni di prodotti;
  • Imballa o riempie i prodotti.

 

Cosa intendi per confezione?

  • Bicchiere;
  • Metalli Alluminio;
  • Materie plastiche e PET in plastica;
  • Carta e Cartone;
  • Cartone per bevande composito;
  • Acciaio metalli;
  • Legna.

 

Soglie

Per quanto riguarda il prerequisito per il coinvolgimento del sistema, non esiste un minimo stabilito; tutti i produttori e i venditori devono registrarsi.

 

Obblighi dei produttori per la responsabilità estesa del produttore (EPR) in Slovacchia

  • Il produttore deve iscriversi al Registro Nazionale dei Soggetti Obbligati con l’assistenza del Ministero dell’Ambiente per ricevere il numero di registrazione (EPR).
  • I produttori o distributori devono avere contratti per programmi di ritiro e dovrebbero avere un periodo contrattuale minimo di 2 anni con gli eco-operatori.
  • I produttori sono tenuti a versare eco-contributi nella misura stabilita dal governo.
  • È necessario presentare una relazione trimestrale, anche una relazione zero con gli importi degli imballaggi

 

Rappresentante autorizzato

I produttori slovacchi e stranieri devono nominare un rappresentante autorizzato con sede in Slovacchia per registrare i requisiti della legge sugli imballaggi per conto del produttore e l’accordo viene concesso per almeno un anno.

 

Segnalazione delle scadenze

Possibilità di presentare entro il 15 del mese precedente.

 

Multe o punizioni

A seguito del nuovo obbligo di gennaio 2021, al produttore che non adempie all’obbligo o presenta quantità errate, gli addebiti possono variare da €4.000 a €350.000.