LATEST STORIES
Uncategorized
F

Fatture di prestazioni fittizie

Da / In Uncategorized / February 12, 2024

Deemed supply invoices

 

 

 

 

Quando i marketplace online agiscono come presunti fornitori di beni, si verifica una situazione in cui le fatture devono essere emesse da un venditore ad un marketplace. Esaminiamo le regole di fatturazione per la fornitura fittizia nell’UE e nel Regno Unito.

Il significato di fornitura fittizia è descritto come una vendita in cui le responsabilità fiscali vengono trasferite a un facilitatore, come un marketplace o un fornitore di servizi di pagamento. In termini di qualità, consegna o altri problemi, è il venditore o il proprietario della merce a essere responsabile della vendita. Ma ai fini della riscossione e del versamento dell’IVA, l’obbligo viene trasferito a un facilitatore delle vendite.

 

1. Fornitura fittizia all’interno dell’UE

Quando le aziende al di fuori dell’UE vendono attraverso il Marketplace e i prodotti vengono spediti all’interno dell’UE, il Marketplace è considerato un fornitore. Ciò significa che un venditore deve emettere una fattura a un marketplace. Secondo le normative UE, si tratta di una fornitura esente, quindi deve essere menzionata in fattura come “fornitura esente” o “fornitura ritenuta esente”.

Un venditore può emettere una fattura consolidata per le vendite mensili con data l’ultimo giorno del mese o più fatture per ciascuna vendita.

Consigliamo di emettere fatture per ogni Paese di destinazione della merce. Utilizza un numero di partita IVA da un marketplace online in uno Stato membro identificativo quando non utilizzi un centro logistico del marketplace o utilizza un numero di partita IVA da un marketplace in cui è situato il tuo centro logistico.

 

Quale partita IVA utilizzare?

Un venditore deve utilizzare un numero di partita IVA del Paese da cui spedisce i prodotti; Se i prodotti vengono spediti da un magazzino di marketplace, utilizzare il numero di partita IVA del Paese corrispondente. Nel caso in cui un marketplace non disponga di un numero di partita IVA nel Paese di spedizione, utilizzare il numero di partita IVA UE principale.

Nel caso in cui le parti decidano di utilizzare l’opzione di autofatturazione, un marketplace deve seguire le stesse regole.
Nota: Se accetti con un Marketplace di utilizzare un sistema di autofatturazione, non hai il diritto di emettere fattura per la stessa fornitura, devi utilizzare una fattura emessa dal Marketplace.

Detta fattura deve figurare in una dichiarazione IVA del Paese in cui avviene la consegna, anche se questa consegna è esente.

 

2. Prestazione fittizia per importazione di beni di basso valore nell’UE

Per le vendite B2B di beni, il luogo della fornitura è dove inizia la spedizione. In una situazione in cui la spedizione inizia al di fuori dell’UE, tale fornitura è considerata fuori dall’ambito di applicazione dell’IVA UE. Ciò significa che non è necessario emettere una fattura IVA tra il venditore e il marketplace per l’importazione di beni di basso valore. In qualità di venditore, devi allegare al pacco una fattura commerciale, ma non si tratta di una fattura con IVA.

 

3. Fornitura fittizia intra-UK

Quando un’azienda non britannica utilizza il Marketplace per vendere beni a privati, tale fornitura viene distinta in due transazioni: la prima B2B tra venditore e Marketplace e la seconda B2C tra un marketplace e un cliente finale. Come documentare la prima transazione?

Non vi è alcun obbligo per il Venditore di emettere fattura per forniture fittizie B2B. Ma se un venditore sceglie di emettere fattura ci sono diversi requisiti:

  • Si noti che la fornitura fittizia nel Regno Unito è a tasso zero a differenza dell’UE (esente). Ciò significa che nella fattura è necessario indicare l’aliquota IVA pari allo 0%. Puoi emettere una fattura consolidata per un mese. Perché è necessario emettere una fattura con IVA entro 30 giorni dalla vendita.

 

4. Importazione in Gran Bretagna al di sotto di £ 135 + 20% IVA (fornitura fittizia)

Tieni presente che potrebbero applicarsi altre regole quando importi in Irlanda del Nord.

Importazione tramite Marketplace di merci inferiori a £ 135, tale vendita è considerata una disposizione LVG. Tali vendite sono considerate riservate ai venditori registrati nel Regno Unito e ai venditori non britannici.

Il venditore segnala tali vendite nella dichiarazione IVA del Paese di partenza come fornitura con IVA allo 0% (esportazione). Un venditore non ha l’obbligo di emettere una fattura con IVA nel Regno Unito tra venditore e Marketplace.

Un venditore deve emettere una fattura commerciale con un valore intrinseco della merce e allegare questa fattura a un pacco per scopi doganali con una nota “IVA riscossa secondo il sistema Marketplace”.

 

Cosa si intende per fornitura fittizia ai sensi dell’IVA?

Le disposizioni per forniture fittizie sono una vendita divisa in due vendite: la prima tra un venditore e un facilitatore senza IVA o con IVA 0 e la seconda tra un facilitatore e un consumatore finale. Anche quando il venditore trasferisce gli obblighi IVA a un marketplace, potrebbe dover dichiarare tali vendite in una dichiarazione IVA o in una dichiarazione delle imposte. Ad esempio, un venditore statunitense vende dispositivi medici a clienti francesi tramite un marketplace francese. Il venditore immagazzina la merce in un magazzino francese. Tali forniture rientrano nella definizione di fornitura fittizia. Ciò significa che ai fini dell’IVA il Marketplace sarà un venditore per un cliente finale e verserà l’IVA.