LATEST STORIES
EPR
Uncategorized
R

Regime del margine per l’IVA sui beni di seconda mano

Da / In Uncategorized / February 15, 2024

Lo schema del margine di seconda mano è uno degli schemi contabili dell’IVA messi a disposizione per aiutare le imprese nel Regno Unito, nell’UE e in altri paesi. Scopri le regole del regime del margine IVA, quali imprese possono aderirvi e i vantaggi che ne derivano.

Margin scheme for VAT on second-hand goods

Cosa sono i beni con regime di margine?

L’IVA sui beni di seconda mano è un regime speciale che consente alle imprese di calcolare l’IVA sulla differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto originale di determinati beni di seconda mano, anziché sull’intero prezzo di vendita. Il regime è disponibile solo per alcune tipologie di beni, pertanto le imprese devono avere diritto ad utilizzarlo.

 

La piattaforma di compliance IVA di Lovat

Quali sono i vantaggi derivanti dall’utilizzo dello schema?

I vantaggi derivanti dall’utilizzo del regime sono numerosi, tra cui la possibilità di ridurre il costo complessivo dei beni venduti e di semplificare il calcolo dell’IVA. Inoltre, sfruttare il sistema può aiutare le aziende a mantenere un vantaggio competitivo riducendo i prezzi per i clienti.

Beni di seconda mano: beni acquistati da un privato. Tali beni sono sempre considerati beni usati, anche se completamente nuovi.

Chi ha diritto al regime del margine IVA?

Solo le imprese registrate ai fini IVA possono beneficiare del regime del margine IVA. Il regime del margine è facoltativo per i beni di seconda mano, il che significa che puoi scegliere se utilizzarlo oppure puoi anche utilizzare l’approccio standard di addebito dell’IVA. Se hai optato per lo schema del margine questo non significa che dovrai utilizzarlo per tutte le tue vendite di seconda mano, puoi applicare lo schema standard per le vendite intracomunitarie o altri. Tutti i paesi dell’UE, il Regno Unito e alcuni altri paesi prevedono l’opzione dello schema del margine nelle leggi nazionali sull’IVA.

Quali beni sono ammissibili al regime del margine IVA?

Il regime del margine viene utilizzato come mezzo per ridurre la possibilità di doppia imposizione sulla vendita di beni di seconda mano. Questo schema è facoltativo.

Funziona consentendo ai rivenditori di pagare l’imposta sul valore aggiunto (IVA) sulla differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto della merce.

Il regime del margine si applica a:

  • Alcuni beni di seconda mano;
  • Opere d’arte;
  • Oggetti d’antiquariato e da collezione;
  • Veicoli di seconda mano e macchine agricole di seconda mano acquistati dai concessionari come rimanenze di magazzino a partire dal 1° gennaio 2010.

Non è possibile utilizzare uno schema di margine per:

  • Qualsiasi articolo acquistato per il quale ti è stata addebitata l’IVA;
  • Metalli preziosi;
  • Investimenti in oro;
  • Pietre preziose.

Se si sceglie di non applicare il regime del margine, si applicano le normali norme IVA.

 

Acquisizione ammissibile di beni di seconda mano

Le aziende che si qualificano per il regime del margine devono acquistare beni da vendere in circostanze in cui l’IVA non è rimborsabile. Tra le opzioni più comuni ci sono le seguenti:

  • Acquisto di beni da imprenditori non registrati o soggetti esenti IVA;
  • Cooperazione con aziende che già utilizzano il regime del margine IVA.

 

Vendite transfrontaliere di beni di seconda mano

Puoi utilizzare il sistema del margine se hai acquistato beni da un altro paese dell’UE. Puoi utilizzare il sistema del margine, ad esempio, se hai acquistato una borsa di seconda mano da un privato. In questo caso, la fattura in uscita dovrà indicare che il venditore ha utilizzato il sistema del margine “Schema del margine – Beni di seconda mano”.

Non è possibile dichiarare le vendite con regime di margine nella dichiarazione IVA OSS. Se vendi a privati in un altro Paese e desideri utilizzare un sistema di margine, devi registrarti ai fini IVA in uno Stato membro di destinazione.

È possibile utilizzare un sistema di margini per la circolazione delle proprie merci tra gli Stati membri. Non appena il margine è pari a zero non hai nulla da dichiarare.

 

Qual è l’eccezione?

Ad esempio, non è necessario utilizzare un sistema di margine se hai acquistato una borsa da un venditore estone che ha pagato l’IVA estone. Inoltre, non utilizzare lo schema del margine se hai indicato il tuo numero di partita IVA e hai quindi acquistato la borsa esente IVA (reverse charge). Se importi, ovvero acquisti da un paese al di fuori dell’UE, non puoi utilizzare un sistema di margine quando vendi quell’articolo. Tuttavia, esistono regole particolari sulla vendita di opere d’arte, oggetti da collezione e oggetti d’antiquariato che tu come rivenditore desideri importare. In questo caso, è necessario prima richiedere l’autorizzazione e, dopo la decisione dell’Agenzia delle Entrate tedesca, è possibile applicare il regime del margine durante l’importazione e la vendita dei beni sopra menzionati.

 

Di quali documenti hai bisogno?

È necessaria la conferma del prezzo di acquisto quando si desidera utilizzare uno schema di margine. Non è possibile utilizzare uno schema di margine sulle merci acquistate con una fattura IVA in entrata, anche se si tratta di una fattura con inversione contabile. Quando vendi utilizzando un sistema di margine, la tua fattura dovrebbe includere la frase “Sistema di margine – Beni di seconda mano” o un riferimento agli articoli 313 della direttiva IVA CE. Nell’ambito di tale schema non è necessario indicare l’importo dell’IVA sulle fatture.

Per i pagamenti mediante carta di credito, il prezzo di acquisto sarà addebitato al consumatore solo al momento dell’invio da parte del venditore dell’effettiva conferma dell’ordine.

 

Come calcolare l’IVA quando si paga con un regime di margine?

Le aziende che possono utilizzare il regime del margine IVA devono inizialmente essere contribuenti IVA. Quando si utilizza lo schema non è richiesta una registrazione separata. Allo stesso tempo, è imperativo soddisfare tutte le condizioni, indicandole nella dichiarazione.

Il margine IVA si calcola come segue: è necessario calcolare la differenza tra l’importo pagato per la merce e l’importo per il quale è stata venduta. Allo stesso tempo, ciò non include i costi aggiuntivi, che sono inclusi nel calcolo dei profitti. Ad esempio, quando si calcola il margine, non è possibile includervi eventuali costi di riparazione o ripristino.

 

Esempio di margine IVA

Il regime del margine IVA significa che un’impresa calcola l’IVA dal valore aggiunto anziché dall’intero importo delle entrate. Ti faccio un esempio: hai acquistato una borsa usata su eBay per 50 € e l’hai rivenduta per 70 €. Se applichi il regime del margine devi calcolare l’IVA dalla differenza – nell’esempio differenza – €20. Ciò significa che l’IVA dovuta sarà pari al 20/120×20%=€ 3,3 IVA dovuta.

 

Conservazione dei registri

Se si sceglie di utilizzare uno schema del margine è necessario organizzare una contabilità fiscale ripartita tra lo schema standard e lo schema del margine. Dovresti utilizzare un metodo di calcolo contabile globale per abbigliamento, mobili, libri e molti altri tipi di beni, il che significa che non è necessario calcolare un margine su ogni singolo bene, ma su tutti i beni venduti.

 

Hai bisogno di aiuto con la conformità IVA?